Estrazione con il tag " Spezie"
lug 18, 2012 - Luglio 2012    Non ci sono commenti

Donne, timo, salvia e cardamomo

Ogni mattina Hamda si sveglia alle 4 e mezza. La sua giornata inizia con la preghiera e con il pane da impastare e infornare prima dell’alba.

Con il velo bianco in testa e nel suo lungo abito nero si muove come una regina senza regno. Prepara la colazione ai suoi sette figli, li veste e li sistema per la scuola.

Prepara la colazione al marito e l’accompagna alla porta augurandogli buon lavoro. Pulisce casa e controlla l’orto e poi va in ufficio. Alla coperativa di donne che essicano e macinano le spezie e di cui è la tesoriera.

Hamda lavora qui tutta la mattina. Se riesce va anche a cogliere la salvia e tutte le spezie che crescono odorose fra queste colline appena fuori Nablus, qualche decina di chilometri da Ramallah.

Verso el 13 torna a casa. Ci sono i bambini da sfamare, il marito che rientra stanco, i compiti di scuola da correggere, la cena, le preghiere, i lavori di cucito, i pomodori dell’orto. E i conti della cooperativa.

Profumano di timo, salvia, cardamomo e alloro i piccoli locali di questa sua cooperativa nata appena due mesi fa e che raccoglie 89 donne di cui 19 lavorano qui.

Nella corte di questa vecchia casa restaurata con il contributo della cooperazione svedese, Hamda e le sue compagne essicano, macinano e vendono le spezie di Palestina. E intrecciano cesti di ulivo.

La materia prima, quando non vanno a raccoglierla, la comprano da altre piccole cooperative. Di donne però. Perché credono nel principio di sostenere altre donne.

Il loro per ora è un mercato locale che ben conoscono. Prima di unirsi, ognuna lavorava per conto proprio a casa. Ora insieme sono più forti e sicure.

Dalle cooperative di risparmio e credito – legate al Parc, l’organizzazione palestinese con cui Cassa Padana è in contatto da alcuni anni – hanno i prestiti che consentono di crescere e investire, nei macchinari per esempio. Dalle altre donne la consapevolezza di essere sulla giusta strada per aiutare i figli nel loro futuro.

Per mandarli all’università servono soldi. E lo stipendio del marito non basta mai.

Ecco perché da una decina d’anni le donne di palestina sono sempre più attive nell’economia. Perché è sulle loro spalle e sul loro cuore che grava tutto il peso e l’impegno della famiglia.

La loro fatica quotidiana è il segno concreto del desiderio di pace e normalità che anima la Palestina. Della volontà di riscatto da una vita costretta fra i check point e la difficoltà di arrivare a fine mese.

Prove di resistenza economica vicino al muro di Betlemme

Prove di resistenza economica vicino al muro di Betlemme

 

Della caparbietà gentile nel progettare il futuro in termini concreti e positivi. Per la libertà dei figli.

Ma non basta a queste donne portare a casa i soldi. Vogliono di più. Anche dal punto di vista culturale.

Ecco perché a Al Dar Khalil Palace assieme all’essicatoio c’è anche una bibliotecacon alcune migliaia di libri. Tremila (con tavoli e sedie) sono arrivati in dono da una Ong tedesca. Un altro migliaio dal Comune.

E gli stessi tedeschi le hanno aiutate ad allestire un’aula informatica con 25 computer. Ovviamente connessi a Internet. Per i loro figli, che la rete la abitano come tutti i coetani del mondo, ma anche per il loro profumato commercio. (mp)


Parse error: syntax error, unexpected '{' in /var/www/html/wp-content/plugins/background-manager/vendor/Twig/lib/Twig/ExpressionParser.php on line 404